Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

5 suggerimenti pratici per aumentare l'efficienza operativa

Nell'ambiente aziendale odierno, dove i ritmi sono estremamente frenetici, solo le aziende più dinamiche hanno successo. Questo è il motivo per il quale lo snellimento delle operazioni e la riduzione dei rifiuti sono aspetti così importanti.

Le tecnologie Internet of Things (IoT) danno voce a ciascun componente dell'attività, fornendo ai manager gli strumenti necessari per capire veramente cosa sta accadendo.

Chi è intelligente fa la mossa giusta

L'ottimizzazione dell'efficienza operativa è più facile da dire che da fare. Richiede una pianificazione metodica, un enorme sforzo e un pensiero creativo per investire nei luoghi giusti nei modi giusti per creare un valore reale del business. Di seguito sono presentati cinque suggerimenti per migliorare in modo sostenibile l'efficienza operativa e far sì che la propria azienda abbia successo:

1. Individuazione di obiettivi misurabili e monitoraggio continuo dei progressi

Il miglioramento dell'efficienza operativa è talmente vasto da comprendere opportunità in qualsiasi aspetto del processo produttivo. Al fine di creare una strategia intelligibile, sarà necessario sintetizzare i propri obiettivi in criteri misurabili e quindi seguire il proprio progresso in itinere. Ad esempio, se un produttore si sta concentrando sull'efficienza nel processo produttivo, tra gli obiettivi misurabili potrebbero esserci l'aumento della produttività delle macchine in funzione del tempo (widget per ora), una maggiore produttività rispetto alla velocità di immissione e la riduzione dei tempi di inattività.

Quando l'azienda ha punti di riferimento chiari, è facile dire quando qualcosa va male. Nel caso del produttore, se la produttività è in calo e il tempo di inattività di una macchina specifica è elevato, l'intero processo di produzione viene bloccato da problemi di manutenzione. La soluzione? Utilizzare sensori wireless e software di accompagnamento per informare esattamente quando e dove si verificano tali errori, in modo da poter creare un regime di manutenzione efficiente ed efficace, su misura per la propria attività.

2. Priorità sull'accesso on-demand alle informazioni

La conoscenza è potere. Gli addetti al controllo della propria azienda devono avere accesso on-demand e condizionato alle informazioni, sia in streaming sia nello storico, insieme al software di visualizzazione necessario per comprenderle rapidamente. Più sono contestualizzate e più immediato è il valore pratico delle informazioni alle quali i manager hanno accesso, più informata può essere la loro analisi e la risoluzione dei problemi.

La misurazione e il monitoraggio dei progressi sono possibili solo quando i decision maker hanno accesso alle informazioni contestualizzate. Con le tecnologie IoT, tutte le parti interessate hanno accesso in qualsiasi luogo e momento ai dati importanti. Se ritorniamo al nostro produttore, i dati raccolti dall'IoT in tempo reale possono essere applicati per raggiungere obiettivi aziendali.

Lasciamo da parte il produttore ed entriamo nell'ambiente di vendita al dettaglio. L'energia rappresenta una delle spese più grandi per i rivenditori di merci. Con il flusso di informazioni contestualizzate verso un hub centrale, i rivenditori possono capire meglio dove l'energia viene maggiormente utilizzata e formulare una strategia per ridurre i rifiuti e reindirizzare i carichi laddove possibile.

I rivenditori possono ad esempio sfruttare l'IoT (tramite sensori intelligenti) per attivare avvisi di spreco energetico in tempo reale, generare profili di consumo energetico ideali per ciascun dispositivo in funzione, gestire i carichi in modo economicamente vantaggioso e conveniente per la rete e usare come riferimento le soglie di anomalia principali per tenere d'occhio i picchi e i cali.

Con queste informazioni a disposizione, i rivenditori ottengono una visione a livello aziendale per individuare dove le spese energetiche intaccano le risorse. È a questo punto che inizia la vera ottimizzazione dei processi aziendali.

3. Mantenimento di una prospettiva granulare e panottica

Il mantenimento di una prospettiva contemporaneamente granulare e panottica è essenziale per l'efficienza operativa. Questo significa scavare a fondo nelle componenti dell'attività operativa, senza perdere di vista le loro interazioni e il quadro complessivo dell'attività nel suo insieme.

Il produttore deve quindi gestire l'attività prestando con attenzione ai dettagli, pur continuando a considerare il modo in cui tutti questi dettagli si collegano e interagiscono. È facile perdersi nei numeri di un foglio di calcolo, così come lo è ignorarli completamente. Non bisogna cedere a nessuna di queste tendenze. L'obiettivo deve essere una conoscenza approfondita di tutti i dati operativi a un livello il più granulare possibile, senza perdere di vista il loro contesto più ampio. Vale a dire che è necessario riconoscere che le diverse apparecchiature su una linea di montaggio in sé non sono più o meno significative di un ingranaggio all'interno della macchina operativa più grande.

Per il rivenditore questo significa non solo riconoscere le singole opportunità di risparmio energetico, bensì sfruttare i dati inserendoli nel loro contesto più ampio. Ciò consente di formulare con successo strategie di ampio respiro. Le notifiche automatizzate possono aiutare i rivenditori a eseguire la manutenzione predittiva sui propri impianti, così come il produttore, impedendo la lenta e costante perdita di denaro prezioso a causa delle inefficienze operative nascoste.

4. Ottimizzazione delle attività operative di oggi, preparandosi per il futuro

Analizzare la propria azienda con l'obiettivo di snellire le attività operative attuali è lodevole, ma è utile solo se c'è disponibilità a incrementare gli sforzi. Quello che è positivo per l'efficienza operativa oggi è solo la linea di riferimento per domani. La propria azienda dovrebbe sfruttare l'enorme quantità di dati che viene raccolta al fine di ottenere sempre più informazioni dall’immediato valore pratico nelle attività operative.

Torniamo al nostro produttore, che ora comprende che un componente difettoso dell'apparecchiatura ha ridotto la produttività complessiva e ha aumentato in modo indiscriminato i costi dell'energia e della manutenzione. La sua decisione di eseguire un upgrade della macchina è stata un'azione saggia per ottimizzare le attività operative attuali, ma è essenziale monitorare il modo in cui il nuovo asset si inserisce nell'ecosistema produttivo più grande e intraprendere le azioni future in base a tali informazioni.

Ad esempio, la produttività è aumentata, così come il consumo di energia; la conclusione logica è che questa macchina assorbe più energia rispetto a quella vecchia, ma è anche più produttiva. L'impiego di un piano di gestione dell'energia basato sulle soluzioni dell'IoT può contribuire ad affrontare questa nuova problematica e i decision maker possono pianificare di conseguenza.

Apportando qualsiasi modifica alle proprie attività commerciali, anche quelle assolutamente necessarie che senza dubbio migliorano l'efficienza, emergono nuovi contesti e conoscenze. Se le aziende si preparano ad affrontarli e mantengono una strategia flessibile, sono in grado di ottimizzare le attività operative non solo oggi, ma anche in futuro.

5. Automatizzazione delle operazioni commerciali qualificate

Infine, l'automazione svolge un ruolo importantissimo nell'efficienza operativa. Ormai, la maggior parte delle aziende comprende come utilizzare i propri sistemi di building automation (BAS). L'automazione, tuttavia, ricopre un ruolo molto più grande.

Un esempio importante sono le notifiche automatizzate. Se qualcosa sembra strano o fuori luogo, i sistemi automatizzati informano le parti interessate. In molti casi, si tratta di fenomeni a livello di circuito che gli operatori umani non riconoscerebbero se non nel momento in cui influiscono sulla produttività.

In linea con il nostro esempio del produttore, un sistema automatizzato può informare gli utenti in merito ai picchi di energia in determinate parti del sistema, orientando la loro attenzione sui potenziali problemi prima che si verifichino.

Un esempio ancora più estremo è l'arresto automatico di un impianto in caso di emergenza. Diciamo che questi picchi di energia hanno raggiunto un livello volatile che potrebbe effettivamente danneggiare seriamente alcuni asset fondamentali all'interno del sistema. Un ambiente automatizzato potrebbe rilevare il guasto critico e interrompere il funzionamento prima che si verifichi il danno.

Una relazione contestualizzata potrebbe aiutare gli operatori umani a risolvere il problema prima di riavviare le attività operative. Certamente questo sarebbe un duro colpo per la produttività, ma eviterebbe di investire grandi somme di denaro per riparare le infrastrutture fondamentali dopo un evento catastrofico. Il nostro produttore può stare tranquillo sapendo che le soluzioni IoT a livello di circuito stanno raccogliendo le informazioni necessarie per proteggere e investire nell'impianto.

La direttiva prospettica

Ciascuno di questi suggerimenti non è accessibile a questa profondità o ampiezza senza i sensori IoT e l'apprendimento automatico. Con qualche piccolo investimento nell'energia intelligente e in sistemi di monitoraggio degli asset, la soluzione necessaria per aumentare l'efficienza operativa è proprio a portata di mano.

La rivoluzione IoT è qui, ma è ancora in via di implementazione: saltare a bordo mentre è ancora un vantaggio competitivo, piuttosto che un gioco di recupero, è un must assoluto per il moderno business competitivo.